• Una ricerca condotta da Startup Bakery rivela come il rapporto veterinario-proprietari di animali mostri oggi diversi punti di sofferenza e conferma la necessità di soluzioni tecnologiche volte a migliorare non solo l’operatività del medico ma anche la salute degli stessi animali in un mercato che oggi solo in Europa sfiora i 20 miliardi di euro, con 85 milioni di proprietari di animali e 0,35 veterinari ogni 1000 abitanti.
  • Il veterinario è infatti una figura che spesso non vede riconosciuta la propria professionalità e il proprio tempo e che negli ultimi anni si è ritrovato a far fronte a una clientela sempre più esigente e attiva sui sistemi di comunicazione peer-to-peer a danno della qualità del lavoro. 
  • Tra gli aspetti più critici un sovraccarico di email, telefonate e messaggistica senza limiti, uno scarso riconoscimento del tempo speso in attività extra-visite, l’abitudine a lavorare da soli e in assenza di strumenti digitali evoluti a supporto.
  • Un efficientamento del tempo impiegato in attività extra anche solo pari al 50% consentirebbe al veterinario di curare fino a 2 animali in più al giorno.
  • Sulla base di questi bisogni Startup Bakery ha lanciato in preordine Veterly, la sua prima startup gemmata - una soluzione che semplifica il rapporto veterinario/clienti a vantaggio dei nostri compagni di vita - e apre la raccolta di capitale da 700.000 euro. 200.000 quelli messi a disposizione da Startup Bakery, che fanno seguito ai primi 100.000 già investiti per validare l’iniziativa.

Scarica la ricerca integrale

Milano, 15 aprile 2021 - A poco più di un anno dalla sua fondazione, Startup Bakery - lo startup studio italiano specializzato in soluzioni SaaS in ambito B2B  sostenibili e supportate da elementi di intelligenza artificiale - lancia in preordine Veterly, la sua prima startup gemmata, una soluzione destinata a semplificare il rapporto veterinario-clienti a vantaggio della salute degli animali, e apre la raccolta di capitale da 700.000 euro a suo favore.

“La trasformazione digitale è un processo che in misura più o meno vistosa sta coinvolgendo quasi tutte le aziende di qualunque settore e anche alcune professioni tradizionalmente meno ‘tecnologiche’ si ritrovano oggi ad affrontare un cambiamento inevitabile, complice anche la difficile situazione dovuta agli effetti della pandemia in corso e al cambiamento delle abitudini degli utenti - ha commentato Alessandro Arrigo, CEO di Startup BakeryUna di queste è senza dubbio quella del medico veterinario, lo specialista nella cura degli animali domestici/da compagnia che, negli ultimi anni, si è ritrovato a far fronte a una clientela sempre più esigente e attiva sui sistemi di comunicazione peer-to-peer, come ad esempio Whatsapp, Telegram o Messenger, a danno della qualità del suo lavoro”. 

E proprio secondo la recente ricerca condotta dallo Studio "Digitalizzare il rapporto veterinario-cliente" (abstract a seguire*)  su un campione selezionato di rispondenti, oggi il rapporto veterinari-proprietari di animali mostra diversi punti di sofferenza. Da una parte, infatti, i veterinari lamentano un sovraccarico informativo nel rapporto con i proprietari di animali: email, telefonate e messaggistica invadono senza limiti di orario le giornate dei medici che si ritrovano a lavorare meno e male per far fronte a ogni tipo di richiesta, e più della metà dei veterinari considera la ricezione di foto e video su Whatsapp “un problema”. Il 59.5% auspica una riduzione del tempo speso a far fronte alla richieste dei clienti sui canali di comunicazione e l’81% vorrebbe veder riconosciuto il proprio valore professionale anche in questo tipo di attività “extra”.

I proprietari di animali, d’altro canto, si dicono sempre più propensi a usare soluzioni tecnologiche: quasi il 90% è interessato a ricevere referti di esami via App, mentre il 68% vorrebbe poter richiedere un parere su sintomi e problemi del proprio animale attraverso l’invio di foto/video. E, tra coloro che vivono nelle grandi città e possiedono più di un animale, cresce l’interesse verso le soluzioni innovative.

“Molti di questi problemi possono essere risolti grazie all’adozione di soluzioni tecnologiche costruite su bisogni concreti, che è ciò a cui abbiamo lavorato negli ultimi 6 mesi, investendo come Studio i primi 100.000 euro su Veterly e lavorandoci in prima persona - aggiunge Alessandro Arrigo - L’indagine rappresenta solo uno degli strumenti che il nostro Startup Studio ha condotto al fine di validare l’idea della prima startup Veterly, alla cui guida troviamo una figura senior del panorama digital e una nota imprenditrice nel settore  “pet care”, Annalisa Mantovanelli, in qualità di co-founder. L’aumento di capitale è stato deliberato poiché Veterly ha sfondato la soglia di validazione in termini di pre-ordini raccolti dai veterinari, oltre 100 in meno di 1 mese, smaniosi di utilizzare l’iniziativa. Questo ci ha convinti, come Startup Bakery, a seguire il nostro investimento iniziale con ulteriori 200.000 dei 700.000 euro di obiettivo finale”.  

Veterly intende accompagnare in maniera più naturale possibile la trasformazione digitale del rapporto veterinario-clienti a vantaggio della salute degli animali. Migliorare la condizione professionale di coloro che svolgono attività ad alta intensità di capitale umano è peraltro anche uno dei SDG - Sustainable Development Goals definiti dall'Organizzazione delle Nazioni Unite come strategia "per ottenere un futuro migliore e più sostenibile per tutti” e più precisamente il numero 8, target 8.2 che invita a “raggiungere livelli più elevati di produttività economica attraverso la diversificazione, l'aggiornamento tecnologico e l'innovazione, concentrandosi sui settori ad alto valore aggiunto e ad alta intensità di lavoro”. 

“Veterly arriva dopo un dettagliato lavoro di analisi e validazione del progetto, condotto fianco a fianco con Startup Bakery e un gruppo selezionato di veterinari e relative realtà ambulatoriali e cliniche. Non vediamo l’ora di partire con la piattaforma - ha aggiunto Annalisa Mantovanelli - I tanti preordini che ci sono già arrivati, a pochi giorni dalla messa online del sito veterly.com, confermano la bontà del lavoro condotto di concerto con tutto il team dello Studio rendendoci particolarmente soddisfatti e fiduciosi sui prossimi passi”.

Il processo di creazione della prima startup, durato 9 mesi, ha infatti superato le prime macrofasi della “ricetta” della Bakery: 

  • la PICK, che va dalla selezione dell’idea di business al coinvolgimento e test presso clienti reali fino alla selezione dei co-founder, del team di specialisti Cloud&AI, dei partner industriali e degli investitori funzionali alle fasi successive del progetto;
  • la MIX, che comprende la validazione del business, consolidamento della figura del co-founder, sviluppo del primo prototipo con CEO e team, coinvolgimento di ulteriori potenziali clienti e validazione della startup dal punto di vista manageriale, commerciale e di raccolta fondi.

Oggi si prepara, attraverso il preordine e la raccolta di capitale, ad affrontare le successive, BAKE e SERVE, ovvero dall’MVP alla exit con il partner industriale.

Maggiori informazioni sul modello di investimento di Startup Bakery si possono trovare a questo link.

*La ricerca: “Digitalizzare il rapporto veterinario-cliente”

TEMPO

In media i veterinari riescono a portare a termine dalle 8 alle 12 visite al giorno per un massimo di 30 minuti ciascuna, che si tramutano in una sessione lavorativa retribuita di 4-6 ore. Il tempo restante è in media destinato alla comunicazione con i clienti (dai 45 agli 85 minuti) e al disbrigo di attività logistico-amministrative (solo fissare e gestire gli appuntamenti richiede dai 20 ai 40 minuti). Il 59.5% dei veterinari auspica una riduzione del tempo speso a far fronte alla richieste dei clienti sui canali di comunicazione e l’81% vorrebbe veder riconosciuto il proprio valore professionale anche in questo tipo di attività “extra”. Se venisse ridotto anche solo del 50%, infatti, il veterinario sarebbe in grado di visitare fino a 2 animali in più al giorno, aumentando la disponibilità di slot prenotabili dai propri clienti (andando perciò a diminuire i tempi di attesa per il clienti al momento della prenotazione).

CONSULTI MEDICI VIA WHATSAPP

Più di un veterinario su due considera la ricezione di foto e video su Whatsapp “un problema” (la percentuale scende di 8 punti percentuali nel caso dell’invio di email) che avviene “quotidianamente” secondo il 56% e “settimanalmente” per il 32%. 

Il 53% dei veterinari ritiene queste pratiche utili ai fini diagnostici e di monitoraggio dell'animale, il 72% ritiene siano utili a fidelizzare il cliente.

TECNO PET-OWNER

I proprietari di animali si dicono sempre più propensi a usare soluzioni tecnologiche: Il 59% ha inviato almeno una foto o un video al proprio veterinario nell’ultimo anno per un parere medico. Tra coloro che lo hanno fatto almeno una volta, la media è di 7,5 volte in un anno. Quasi il 78% vorrebbe poter continuare a farlo. Quasi il 90% è interessato a ricevere referti di esami via App.
Tra coloro che vivono nelle grandi città e possiedono più di un animale,  l’interesse verso soluzioni innovative è più alta della media.

APPREZZAMENTO

Per quanto risultino molto apprezzati dai propri clienti, con valutazione media dell’8,77 in una scala da 1 a 10, cresce la frustrazione dei veterinari poiché non vedono riconosciuta la loro professionalità e il loro tempo. Entrambe le figure ritengono la puntualità e la reperibilità due aspetti importanti e possibilmente da perfezionare.

GESTIONE AMMINISTRATIVA

Un uso variegato di software gestionali abbastanza datati (il 7% si affida a soluzioni fai-da-te, il 14% non ne usa alcuno), la consuetudine a usare ancora carta e penna e un livello molto basso di integrazione tecnologica caratterizzano una professione intrapresa più per passione che per il riconoscimento economico (il 62% lamenta il mancato pagamento da parte dei clienti, il 42% lamenta di doverlo a volte sollecitare), spesso fonte di disorganizzazione e quindi stress.

Un veterinario su 2 (53%), inoltre, dichiara di fare tutto da sé senza colleghi o supporto con cui condividere parte del fardello amministrativo.

PAGAMENTI

In media, il campione di veterinari sostiene di non ricevere il dovuto pagamento per circa il 5% delle prestazioni fornite. Il ritardo nei pagamenti delle parcelle è invece un problema che riguarda il 9% delle prestazioni. Solo l’8,3% dichiara di non aver mai ricevuto pagamenti in ritardo. Una larga maggioranza desidera soluzioni per riscuotere subito il pagamento (66%) o almeno inviare un sollecito in maniera automatica (86%). 

Startup Bakery

Startup Bakery è lo startup studio italiano fondato da Alessandro Arrigo e Angelo Cavallini nel febbraio 2020 con l’obiettivo di dare vita ad aziende SaaS B2B sostenibili e con una forte componente di Intelligenza Artificiale e permettere a founder, aziende e investitori professionali di esprimere il proprio potenziale. 

Lo Studio è garanzia di applicazione seriale di strumenti, competenze e metodologie già presenti nel team e affianca il co-founder in tutte le fasi, dalla raccolta alla exit, rendendolo via via sempre più indipendente. Grazie a un algoritmo proprietario, infatti, può contare su avanzate capacità di raccolta ed elaborazione di dati di mercato al fine di individuare nicchie di interesse da presidiare mentre la validazione ciclica dei progetti avviati è garantita dall’applicazione del metodo lean. 

L’approccio di Interaction Design centrato sull’utente garantito dal know-how di Donux, agenzia UX/UI gemmata proprio da Startup Bakery, offre infine esperienze d’uso semplici ed efficaci. 

Startup Bakery offre ai partner industriali un nuovo modo di fare open innovation entrando nel capitale delle nuove startup e accompagnandole progressivamente nel loro sviluppo fino ad acquisirle. 

Le SB “Lab”, aziende operative del gruppo, hanno il compito di supportare finanziariamente le iniziative gemmate nella fasi di pre-seed e seed (in co-investimento), oltre che di costruirne il core team (HR). 

A fine novembre Startup Bakery ha chiuso un aumento di capitale di €750.000. A Ottobre 2020 gemma la sua prima startup Veterly e ad Aprile 2021 apre la raccolta capitale da €700.000 a suo favore. 

Contatti media 

Serena Orizi
PR and Media Relations, Startup Bakery
+39 (320) 420-5558 | serenaorizi@gmail.com 
skype: soloori